Home Eventi e News Insights 2020 Cloud container

Insights

Dalla virtual machine al container il passo è breve con MCS

Nel mondo dello sviluppo software l’avvento del paradigma di Docker e dei suoi container applicativi ha avuto un impatto dirompente. Un container isola completamente il proprio ambiente di sviluppo e esecuzione dalle variabili esterne al kernel operativo, semplificando e accelerando il passaggio da un ambiente all’altro. Non è più necessario preoccuparsi della coerenza con mille aggiornamenti, patch e impostazioni e questo è importante in una fase di accelerazione dei cicli di rilascio.

A un livello di controllo superiore, strumenti come Kubernetes aiutano a sostenere quel meccanismo di brokeraggio e “orchestrazione” dei microservizi che è il fondamento stesso della visione del Cloud computing ibrido come ambiente applicativo distribuito ma coerente.

Come le merci stoccate nei container della logistica, le applicazioni containerizzate si possono portare più facilmente da un ambiente all’altro e funzioneranno senza errori, malgrado le differenze di configurazione che possono penalizzare le applicazioni il cui deploy avvenga direttamente nell’ambiente eseguito sulle virtual machine.

Un partner certificato per adottare in azienda la logica dei container.

Nella visione non-monolitica delle applicazioni native del Web, è possibile immaginare ambienti di sviluppo produzione e testing estremamente flessibili, scalabili e robusti. Un approccio che sta già rivoluzionando l’application lifecycle management, il testing e la messa in produzione del software applicativo.

In ottica di private e hybrid Cloud, Tinext MCS mette a disposizione i servizi più aggiornati a supporto dello sviluppatore interessato a esplorare questo universo di opportunità in partnership con VMware.

Tinext MCS è un provider VMware Cloud Verified, può quindi assicurare il meglio in termini di servizi erogati e consulenza al cliente. Il Cloud MCS poggia sulla piattaforma oggi più avanzata, proprio dal punto di vista della convergenza tra modelli VM e container.

Scegliere sempre il meglio, con Tinext.

Il container è uno spazio di esecuzione virtuale che contiene il codice da eseguire e tutte le sue dipendenze. Condividendo solo il kernel del sistema operativo, risulta completamente isolato dal resto dell’infrastruttura. La tecnologia di containerizzazione - che prende il posto dell’hypervisor delle macchine virtuali convenzionali - si preoccuperà di organizzare le dipendenze funzionali verso le applicazioni, eliminando possibili conflitti.

Tinext è in grado di affiancare l’IT aziendale e gli sviluppatori indipendenti a realizzare piattaforme container dedicate e personalizzate, anche grazie all’esperienza della sua divisione interna dedicata allo sviluppo di Web application e digital marketing. Un’esperienza specifica e una gamma di servizi su misura che si differenziano dalle piattaforme container standardizzate del public cloud.

Affrontare le sfide della containerizzazione con Tinext comporta, al di là della completezza e della qualità della VMware Cloud infrastructure, tutta una serie di vantaggi, a partire da una maggiore libertà di movimento rispetto ad offerte meno personalizzabili. Insieme a Tinext è possibile costruirsi un ambiente container su misura senza rinunciare ad altre opzioni di virtualizzazione, facendo oltretutto leva sulle risorse interne. In questo modo si ottengono più produttività e maggiore capacità di risposta e si possono risparmiare risorse altrimenti destinate ad acquisire o formare nuove skill.

.

Resta aggiornato sulle novità del mondo Digital

Insights