Home Eventi e News Insights 2021 Il logo “Swiss Hosting” assicura qualità svizzera al software e ai dati in hosting

Insights

Il logo “Swiss Hosting” assicura qualità svizzera al software e ai dati in hosting

S come Svizzera, Sovranità dei dati e Sicurezza del Software

Mai sentito parlare di ‘deglobalizzazione’? Peccato, perchè è una preoccupante tendenza iniziata dopo la crisi finanziaria del 2008. Da tempo sui giornali leggiamo di guerre commerciali, sospetti o informazioni sull’uso di hacker da parte di Russia e Cina. Nazionalismi informatici che usano anche le aziende ‘di casa’ come armi per ottenere vantaggi strategici.

Il ‘mondo libero’, come lo si chiamava una volta, agisce in modo meno furtivo ma non meno efficace. Il Cloud Act firmato nel 2019 conferisce a diverse ‘Agenzie’ statunitensi il potere di ottenere l’accesso a qualsiasi dato custodito nei server in territorio americano e anche in tutto il mondo. Sono obbligate a concedere l’accesso ai dati dei loro clienti tutte le imprese con sede negli Usa, con azionisti di riferimento americani e perfino imprese ad esempio europee ma con una ‘stabile organizzazione’ negli Stati Uniti. 

E’ la sovranità dei dati, bellezza!

La minaccia non è di poco conto. Le persone e le imprese che mettono i loro dati su cloud hanno diritto di sapere se il loro cloud partner sarà o meno obbligato a  condividerli con una ‘Agenzia’ governativa statunitense. Devono insomma informarsi sulla ‘sovranità dei dati’.

“Made in Switzerland? It Works!”

Un sistema c’è. Tinext Managed Cloud Services si è associato all’iniziativa Swiss Made Software: un marchio di qualità che riconosce il lavoro e la qualità dell’ICT elevetico, un po’ come avviene con il logo ‘Swiss Made’ nell’industria degli orologi. Il pay off lo spiega bene: “Fatto in Svizzera? Funziona!”.

La stessa organizzazione ha promosso anche il logo “Swiss Hosting”.  Con quale obiettivo? Lo spiega Christian Walker. Cofondatore dell’iniziativa: “Nel momento in cui il governo Usa con il Cloud Act estende le pretese unliaterali amercani su ogni dato che le imprese Usa ospitano su territori stranierio, le persone e le aziende hanno bisogno di qualcosa che garantisca che i loro dati rimarranno riservati”.

Sovranità dei dati significa riservatezza

E questa risposta c’è. “La Svizzera può rivendicare, oltre alla qualità e alla affidabilità, una tradizione secolare di riservatezza e attenzione alla privacy”, sottolinea Marco Tramacene, vicepresidente di Tinext Managed Cloud Services, “le aziende tengono su cloud la loro proprietà intellettuale e le loro informazioni chiave. E questo è critico in un contesto internazionale divenuto molto competitivo, non sempre leale e con livelli di privacy differenti a seconda della giurisdizione  del territorio dove si trovano e dove sono gestiti i dati”.

Vale la pena di notare che lo stesso Consiglio Federale svizzero ha ritenuto opportuno affrontare il tema della sovranità dei dati dal punto di vista geopolitico-strategico e della riservatezza, valutando la fattibilità di una “Swiss cloud”.

I tuoi dati resteranno in Svizzera

“Il logo Swiss Hosting indica che i server di Tinext sono collocati solo in territorio svizzero”, spiega Massimo Baioni di Tinext MCS, “e sono quindi soggetti solamente alla sovranità di un Paese geloso delle sue prerogative e della sua secolare neutralità e indipendenza come la Confederazione”.

“Il logo Swiss Hosting fa due chiare promesse ai nostri clienti. Primo: i vostri dati rimarranno in Svizzera. Secondo: il controllo sui vostri dati rimarrà in Svizzera. Noi prevediamo che questo semplice concetto, ben ancorato all’immagine che il mondo ha del nostro Paese, diventerà nei prossimi anni sempre più importante nelle scelte delle imprese e organizzazioni, europee e non europee”, conclude Alberto De Lorenzi, presidente del gruppo Tinext.

Resta aggiornato sulle novità del mondo Digital

Insights